lunedì 13 novembre 2017

scaletta portasalviette - interior design

Le scalette che vengono appoggiate alle pareti hanno sempre maggiore diffusione come portasciugamani o come contenitori per il bagno.
Sono molto comode perchè risultano leggere, facili da installare (alcune si appoggiano semplicemente alle pareti senza l'ausilio di tasselli o di opere murarie) e soprattutto pratiche perchè hanno la duplice funzione del mobiletto contenitore e del supporto portasalviette senza essere troppo invasive.
Quindi risultano essere un opzione in più per soddisfare esigenze di contenimento che nei bagni sono sempre più richieste.
L'oggetto più interessante e più carino è il modello Stairs di Agape in legno con finiture in rovere naturale, bruno, scuro, o laccato bianco, grigio. C'è la versione semplice solo con i pioli, la versione completa con mensole e la versione mista con entrambi gli elementi. Il prezzo massimo si aggira sui 1000€:

Agape Stairs

Un'altra azienda con un prodotto simile ma esteticamente meno raffinato è la Cipì con il modello Bibò che costa però un quinto rispetto a quello di Agape ed è in legno naturale e laccato bianco con mensione "salvaspazio" richiudibili:

Cipì Bibò

Systempool del gruppo spagnolo Porcelanosa propone il modello K che però richiede il fissaggio dei tasselli nella parte superiore:

Systempool K

C'è poi l'azienda tedesca Knief con il modello Ladder in materiale acrilico disponibile in  varie finiture (wenghè, ciliegio e pelle) e colori come l'oro, il bianco nero e 2 tonalità di grigio. Prezzo sui 700€:

Knief Ladder









domenica 29 ottobre 2017

Sgabelli per cucine con penisola - interior design

Stiamo scegliendo degli sgabelli per una cucina con penisola in una casa d'epoca e ci siamo fatti una cultura sui prodotti in commercio.
Prima di tutto bisogna considerare l'altezza della penisola: se è prolungamento del piano di lavoro della cucina l'altezza sarà più o meno di 90cm e lo sgabello andrà scelto con altezza della seduta di  circa 65cm. Se invece l'altezza della penisola è maggiore rispetto al resto (110/120cm) gli sgabelli andrebbero scelti con altezza della seduta dai 75cm in su (come nel nostro caso).
Guardando all'estetica, a parte i Bombo di Magis (design Giovannoni) utilizzatissimi alla fine degli anni 90 (con pistone a gas che permette di regolare l'altezza da 50 a 74cm) gli oggetti che vanno di moda adesso fanno riferimento ad uno stile più "tradizionale" con gli sgabelli Plumage di Bonaldo e Tom&Jerry di Magis (regolabile in altezza da 70 a 86 cm):

Bombo Magis

Plumage Bonaldo

Tom&Jerry Magis


Oppure vi sono prodotti dal design estremo come i Miura di Plank in polipropilene (design Grcic) o Alodia di Cappellini in tubo di metallo e lamiera d'acciaio (design Bracher) disponibili in vari colori (più scelta per quanto riguarda Miura). Oppure sempre di Grcic la Stool one di Magis in alluminio anodizzato. Questi hanno il difetto di non avere la possibilità di regolazione dell'altezza della seduta e quindi bisogna considerare le dimensioni della penisola in fase di scelta: per quanto riguarda Miura poi la altezza è unica di 78 cm. 

Miura Plank

Alodia Cappellini

Stool one Magis

 I modelli più riusciti sono anche stati realizzati dalla azienda Lapalma che vanta numerosi tentativi di imitazione a cominciare dallo sgabello in acciaio cromato o satinato Lem (design Azumi) utilizzatissimo dal residenziale al contract:

Lapalma Lem

Oppure lo squadratissimo e molto elegante Cubo/cuba (design Berti) con struttura in acciaio satinato e seduta in legno o rivestita in cuoio (con 2 altezze 65 e 75cm):

Cubo Lapalma

Alla fine, dopo aver tanto meditato, abbiamo optato per il modello Miunn (design Monni) sempre di Lapalma con struttura a slitta in metallo verniciato e seduta in legno laccato a poro aperto perchè richiama il design delle sedute più comuni utilizzate per la zona pranzo (esempio le DSW di Eames prodotte da Vitra):

Miunn Lapalma




lunedì 9 ottobre 2017

realizzazione porta in vetro di grandi dimensioni - interior design

In un progetto di ristrutturazione di una casa d'epoca  in una camera matrimoniale che prima era una cucina abbiamo inserito il bagno. Collocato vicino alla finestra è diviso in due parti: la zona lavabo, aperta sulla stanza, e la zona wc (con bidet incorporato) e doccia chiuse da una porta di dimensione 100xh300cm. Questa innestandosi sulla parete a ridosso del camino è stata scelta in vetro temperato trasparente extrachiaro (spessore 10mm) per mantenere visivamente la centralità del camino stesso sulla parete. Per avere più possibile trasparenza non sono stati previsti profili in ferro di cornice e le cerniere della porta, posizionate ai piedi e all'estremità superiore (lavorano come perni), sono di dimensione ridotta .
Per rinforzare la porta è stata posizionata una piastra in ferro sotto il controsoffitto laddove gli sforzi della porta in fase di apertura/chiusura sono maggiori. La piastra è stata tassellata sull'architrave in sei punti per essere più resistente.  


 Particolare della piastra d'ancoraggio in ferro


 Particolare della cerniera inferiore

Particolare della cerniera superiore

giovedì 31 agosto 2017

Recupero finestre di un'abitazione del primo '900 - tecnologia

Nella abitazione che abbiamo ristrutturato appartenente ad un palazzo del primo decennio del '900, abbiamo recuperato tutto ciò che era possibile - pavimenti, soffitti, porte etc e soprattutto le persiane e i serramenti esterni.
Questi ultimi inoltre sono stati resi più performanti con l'aggiunta di vetrocamera (6-4-6 con gas argon) che comunque non raggiunge gli standard minimi per poter usufruire della detrazione energetica del 65%: per averla avremmo dovuto cambiare completamente il serramento ma questo non rientrava nella nostra filosofia di progetto volta a conservare il più possibile e ad avere per la casa "i pezzi di ricambio" originali come nelle automobili.



Il recupero dei serramenti è stato affidato al restauratore Andrea Moreschi (Moreschi trading srl di Arzago d'Adda): smontata tutta la ferramenta, i vetri e lo stucco che li fissava, sono stati sverniciati con l'apposito phon (stando attenti a non bruciare il legno) e raschietti mostrando le splendide venature del larice. La ferramenta è stata ripulita e lucidata col polish metal.




I serramenti sono stati poi riportati in situ e rimontati in modo da verificare eventuali correzioni e adattamenti da fare in fase di chiusura.


Sono state poi tagliate ed eliminate le sagome esterne del serramento (che all'epoca ospitavano vetri singoli spessi solo qualche millimetro) per permettere l'alloggiamento del vetrocamera da 14mm (misura adatta anche perchè non è troppo pesante e non sovraccarica le cerniere esistenti).


Successivamente sono state date due mani di vernice all'acqua (nel nostro caso bicolore con il bianco all'interno e grigio o marrone all'esterno).



Per ultimo la posa del vetrocamera e delle nuove cornici fermavetro verniciate e inchiodate alla struttura sottostante.









venerdì 14 luglio 2017

Pulitura delle cementine - interior design

Sta prendendo sempre più piede (finalmente) il recupero dei pavimenti delle case d'epoca, non solo i parquet ma anche quelli realizzati con piastrelle cementine (composte da uno strato superficiale in polvere di marmo, cemento bianco e pigmenti inorganici colorati e un'anima in cemento ad alta resistenza - in uso dalla fine dell'800).
I pavimenti in questo caso purtroppo non potranno mai essere recuperati completamente nel senso che se alcune piastrelle sono rotte le crepe rimarranno sempre a vista così come la differenza di colore delle parti più sottoposte all'azione del calpestio. Però usando lavaggi deceranti accompagnati da microlevigatura con dischi diamantati (nel nostro caso sono stati impiegati dischi della azienda Lantani modello Lantapad in resina con grane fino a 15000 che non sono eccessivamente abrasive) si riesce a rimuovere lo sporco accumulato negli anni e a far rivivere queste pavimentazioni.
La finitura superficiale poi a scelta può essere lucida o opaca.
La manutenzione poi verrà fatta usando detergenti neutri per non rovinare il supporto.










  

mercoledì 5 luglio 2017

Armadi retroilluminati

Nel corridoio di una casa d'epoca abbiamo realizzato un lungo armadio lungo il muro intervallato da nicchie e pilastri. Ha una forma ad L con il lato lungo che si sviluppa lungo tutto il corridoio e parte dell'ingresso e il lato corto che divide l'ingresso dalla cucina. Ha una superficie uniforme laccata bianca intervallata da tagli grandi che identificano le librerie dal resto adibito a vari usi (dal guardaroba al ripostiglio etc). I vuoti (librerie e gole) sono caratterizzate da una illuminazione a strisce luminose (luce calda 3000K con potenza di 11,8 w al metro).
I led angolari sono stati posizionati a ridosso dei montanti delle librerie con le ante sporgenti in modo da nasconderli il più possibile. Si crea così un piacevole effetto di illuminazione indiretta verticale che si contrappone all'orizzontalità del corridoio.
Sul lato corto della L è presente una nicchia aperta sulla cucina e chiusa sul corridoio da una parete vetrata. Per sottolinearla sono stati posizionati sul piano a pavimento dei microfaretti (2W luce calda angolo 25°) che possono illuminare dal basso degli oggetti (es. piante, sculture etc.).




     Particolare della base del mobile con le asole per l'ispezione dell'impianto elettrico    





Vista di insieme dell'armadio illuminato


Particolare della striscia led angolare

Particolare dei faretti

domenica 14 maggio 2017

Divani componibili - interior design

Nel soggiorno, sempre più spazio flessibile e adatto a molteplici attività, sta prendendo piede il divano componibile: la possibilità di assemblarlo a proprio piacimento, giocando sui moduli indipendenti delle sedute e degli schienali, permette al divano di essere vissuto nelle più disparate situazioni (guardare la tv, conversare, dormire, mangiare, lavorare, etc) e al locale soggiorno di avere infinite funzioni. 
Ecco alcune aziende che propongono questo tipo di divano:
Lema ha il modello Cloud, concepito come un grande gioco di forme libere e componibili, con finiture in tessuto, pelle ed ecopelle. Ci sono gli elementi centrali (dimensioni 180x108cm e 118x173cm) e i pouf (108x108 e 118x118cm) uniti dai cuscini-contenitori (47x47 e 60x32cm) per un numero molto svariato di combinazioni.


Anche Euromobil propone il modello Blo us che ha una struttura in ferro - facilmente assemblabile - che rappresenta un solido supporto ai cuscini e all'imbottitura delle sedute. Le misure sono 105x85cm, 133x105cm, 161x105cm per gli elementi con schienale. A questi si aggiungono degli elementi più piccoli (52x85cm, 52x105cm e 105x105cm) e dei grossi braccioli  lunghi 105/133cm profondi 18/52 cm.



Bonaldo propone invece Peanut B con rivestimento in tessuto o in pelle e con i tantissimi moduli: da 100x75cm fino a 100x150cm per la penisola, da 93x75cm per il pouf senza contare la chaise longue (150x68cm) e la parte centrale con schienale (70/120x125cm e 120x100cm) che offrono infinite possibilità di composizione.


Un'ottima soluzione non solo per il prezzo, è rappresentata dalla serie Vallentuna di Ikea che ha unicamente moduli 80x80cm e 100x100cm ma in più offre la soluzione del divano letto (nel modulo 80x100 che si allunga fino a 200cm) molto interessante nei piccoli spazi che si vogliono attrezzare anche come camera da letto improvvisata.